Death metal: la furia e lo smembramento

Claudio Kulesko
 death metal
“Analizzare”, tanto in filosofia quanto in medicina, significa “scomporre in parti semplici”, “fare a pezzi”; quale termine potrebbe essere più adeguato per una prima esplorazione del death metal? Si dovrebbe dunque procedere a smembrare e svuotare un corpo, con la stessa grazia di un assassino: c’è forse modo migliore di giungere a giudizi affrettati, di condurre fino in fondo un’analisi superficiale? L’eviscerazione tuttavia presenta anche dei vantaggi: l’aruspico, nel suo tentativo di chiaroveggenza, è costretto a scavare nella carne dell’animale, in quanto la divinazione muove proprio dal divino che si incarna nelle interiora – esse conserverebbero infatti una testimonianza della relazione tra i corpi e l’ambiente (umano e non-umano) circostante.
Potrebbe anche darsi che lo squartatore sadico (in questo caso il filosofo), sia, in fondo in fondo, un abderita, un pessimista ossessionato da una perniciosa forma di materialismo. Democrito stesso, in una lettera apocrifa attribuita a Ippocrate, ricerca nelle carcasse animali l’origine fisiologica della sua pazzia.

Continua a leggere Death metal: la furia e lo smembramento

Annunci

Note schizo-pedagogiche sulle strutture di dominio

Claudio Kulesko

2d7905751403706cc4a376878c41ffaf

 

Io dico: liberati quanto puoi e avrai fatto ciò che sta in tuo potere; infatti non è dato a tutti di superare ogni barriera, ossia, per parlare più chiaramente non per tutti è una barriera ciò che lo è per alcuni. Perciò non preoccuparti delle barriere degli altri: è sufficiente che tu abbatta le tue.

Max Stirner

 

Siamo reazione, reazione rivolta contro noi stessi. Siamo il prodotto della reazione e produciamo noi stessi reazione. Il risentimento ci ha reso quel che siamo. Per comprendere come ciò sia possibile, è anzitutto necessario accettare il presupposto teorico stabilito da Stirner e Nietzsche: le forze reattive separano il forte da ciò che può. Attraverso un contagio della debolezza, il risentimento è in grado di operare una scissione sul piano onto-metafisico, distanziando l’attualità di un determinato organismo (ciò che esso è), dalle virtualità e dalle contingenze proprie di quello stesso organismo (ciò che è stato in passato e ciò che potenzialmente sarà). Sebbene esso sia perfettamente configurato e “pronto-alla-mano” (ossia ben costruito, utile e disponibile all’uso da parte propria o altrui), l’organismo è preventivamente inibito dall’ambiente circostante. La tensione all’espressione viene armonizzata normativamente, secondo l’intensità comune a un gruppo, a una moltitudine sociale o a una specie. Per quanto astratta, la castrazione psichica di un organismo produce effetti concreti al livello delle funzioni utili all’espressione del corpo-mente.

Continua a leggere Note schizo-pedagogiche sulle strutture di dominio

Oltre la Finitudine

Claudio Kulesko

god-is-a-lobster

Ciò che, di fronte alla complessità naturale, sorprende e sovrasta chi si pone in apertura conoscitiva è l’impossibilità di porre freno a tale apertura. L’illimitata lacerazione epistemologica si porrebbe, paradossalmente, come limite impalpabile di ogni ricerca: laddove la deriva rischierebbe si rovesciarsi in naufragio, lì sarei costretto a tornare in porto. Qualsiasi attività conoscitiva si configura, perciò, come un’attività di frontiera, un processo di esplorazione cauta e graduale di un territorio che si estende illimitatamente all’orizzonte. Solo all’interno di questa determinata dinamica di oltrepassamento controllato, è possibile gestire la conoscenza come un frontaliere gestirebbe le proprie giornate di lavoro. Solo all’interno di questa determinata dinamica è possibile parlare di Accademia.

Continua a leggere Oltre la Finitudine